Mostra fotografica a Milano con scatti dell’isola indonesiana di Sumba

Roma, 20 apr. (askanews) – L’accesso all’acqua potabile è un bene primario essenziale per la salute e il benessere umano, ma ancora oggi, purtroppo, molte comunità in tutto il mondo non possono contare su fonti d’acqua pulite.

Per questo, nel 2023, Save The Duck ha dato vita al progetto Nothing Like Water, iniziando un’azione di bilanciamento idrico in collaborazione con The Sumba Foundation, NGO indonesiana attiva sul territorio dell’omonima isola, con l’obiettivo di condividere il privilegio dell’accesso a una risorsa preziosa come l’acqua.

Partnership che il brand di outerwear e lifestyle 100% animal-free celebra con una mostra fotografica a Milano, in Corso Vittorio Emanuele II, visitabile gratuitamente per un mese, a partire dal 15 maggio. I 30 splendidi scatti che compongono la mostra sono stati realizzati dal fotografo internazionale Alessandro Bergamini: come la maggior parte delle fotografie che ha scattato in alcuni degli angoli più remoti del pianeta, catturano le meraviglie paesaggistiche dell’isola di Sumba e la genuinità e dignità delle popolazioni che lì risiedono, i gesti, gli sguardi e i sorrisi, quasi come se volesse far vivere anche a chi le guarda così da lontano il “rapporto silenzioso tra terre segrete e culture d’altri mondi” che ama immortalare.

Finora, proprio a Sumba, grazie all’impegno concreto di Save The Duck nel bilanciare il consumo idrico legato alla produzione dei propri capi e dei materiali necessari per realizzarli, è stato possibile garantire l’accesso all’acqua potabile a 4216 persone e 37 villaggi. Grazie a questi strumenti, la popolazione di Sumba ha i mezzi per creare economie sostenibili e migliorare le proprie condizioni di vita e igienico-sanitarie. Con la diffusione sempre più capillare di una rete idrica potabile, donne e bambini non devono più impegnarsi a percorrere ogni giorno lunghe distanze per procacciare l’acqua per sé stessi e per le proprie famiglie, tornando così padroni di tempo ed energia che possono essere impiegati in altre attività, come frequentare la scuola o iniziare microimprese, come la produzione di tessuti pregiati (gli ikat), che possono essere poi venduti al mercato o ai commercianti di tessuti.

Ma non solo: la maggior presenza e diffusione di acqua potabile influisce positivamente e in maniera continua anche sul miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie della popolazione, registrando un notevole decremento dei casi malaria. Oggi, l’obiettivo è continuare a sviluppare le infrastrutture necessarie per garantire l’accesso diretto all’acqua potabile a un numero sempre maggiore di utenti. “Interagendo con la popolazione locale e visitando vari villaggi dell’isola, ho acquisito una comprensione più profonda dell’interconnessione tra conservazione ambientale, sviluppo della comunità e tutela della cultura locale. Il mio viaggio a Sumba è stato commovente e stimolante per me e ha rafforzato la mia convinzione che viaggiare non solo può arricchire le nostre vite ma anche instillare cambiamenti positivi nel mondo attorno a noi” – ha commentato Nicolas Bargi, Founder e CEO di Save The Duck.

continua a leggere sul sito di riferimento