L’appuntamento, primo e unico nel suo genere, il 29 e 30 ottobre
Milano, 21 ott. (askanews) – Si è svolta stamattina presso l’Istituto dei Ciechi di Milano la presentazione ufficiale di Run For Inclusion, la prima corsa nata per celebrare i valori di inclusività, diversità, sostenibilità e sport outdoor, che nel weekend del 29-30 ottobre trasformerà Milano nel simbolo della lotta contro ogni tipo di discriminazione. Co-creata da DHL Express Italy e Uniting Group, la corsa non competitiva aperta a tutti e pensata per essere percorsa correndo o camminando, da soli, con la famiglia o con gli amici, si terrà nel cuore di Milano con partenza domenica 30 ottobre alle ore 9:30 dall’Arco della Pace: 7.24 km per sottolineare la necessità di un impegno costante verso questi temi, 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. ‘Siamo convinti promotori di questa due giorni di sport e inclusione’, dichiara Nazzarena Franco CEO DHL Express Italy. ‘La Run for Inclusion è in linea con il nostro impegno per la sostenibilità sociale e ambientale. In tutte le nostre strutture in Italia e nel mondo, DHL Express pratica concrete e reali politiche di uguaglianza e inclusività credendo nel principio che ogni persona è unica nella sua diversità. Siamo certi che, applicando noi stessi questi principi, possiamo contribuire alla costruzione di un mondo migliore, più aperto e accogliente’. ‘Viviamo in un momento profondamente trasformativo e per questo motivo abbiamo pensato e creato il progetto al fine di avvicinare più persone possibili a valori fondamentali per il nostro futuro – afferma Nicola Corricelli, Chief Culture Officer di Uniting Group – La Run sarà il momento ludico, mentre il Village rappresenterà il luogo dove dialogare e approfondire le tematiche di inclusion, diversity e sostenibilità. A dimostrazione di un’attenzione concreta e duratura verso questo tipo di impegni, inoltre, l’evento è realizzato da Uniting nel rispetto delle tre dimensioni della sostenibilità: ambientale, economica e sociale’. Tanti i protagonisti che hanno deciso di sposare l’iniziativa a partire dalla testimonial Jo Squillo, cantautrice, conduttrice e attivista italiana da sempre vicina a questi valori, che sarà il volto ufficiale della manifestazione, seguita da un ospite speciale di DHL, l’Allenatore della Nazionale di Pallavolo Maschile Ferdinando De Giorgi e, dulcis in fundo, tre Ambassador d’eccezione: Arianna Talamona, campionessa di nuoto paralimpica e autrice di un blog di lifestyle dove affronta il tema delicato della moda per persone con disabilità, Danielle Madam, campionessa italiana di getto del peso e conduttrice tv famosa per la sua lotta contro le discriminazioni razziali ed Ethan Caspani, ragazzo trans di 24 anni diventato punto di riferimento per la difesa dei diritti LGBTQIA+. Due giorni ricchi di appuntamenti, con l’inaugurazione alle ore 14:30 di sabato 29 ottobre del Village Run For Inclusion, che per l’occasione trasformerà l’Arco della Pace in un teatro di attività, stand informativi delle Associazioni Onlus partecipanti, DJ set, talk e interventi pensati per promuovere e approfondire i valori propri dell’appuntamento, grazie al contributo di famosi ospiti e stimati esperti. Anche il pettorale gara, elemento iconico per eccellenza di ogni corsa, vivrà come un vero e proprio manifesto per i temi della Run: tutti potranno infatti scrivere un personale pensiero, trasformandolo in un messaggio e un simbolo della libertà d’espressione e inclusività che ognuno può e deve avere, da portare oltre il traguardo. Lungo il percorso cinque ‘cheering point’ animeranno la corsa: una photo opportunity in Piazza del Duomo by DHL, una grande bandiera, sempre firmata DHL, in Corso Vittorio Emanuele II, una marching band per dare energia in Piazza della Scala, un ‘give me five’ 100% boost by RDS e un risciò Karaoke di Fileni per cantare e divertirsi con il famoso jingle. Presenza fondamentale a supporto dell’iniziativa, alcune delle più importanti Associazioni che rappresenteranno diversi ambiti, per celebrare l’inclusione a 360°. AGPD – Associazione Genitori e Persone con Sindrome di Down, AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, CESVI, Associazione Famiglie per la Famiglia, Fondazione Francesca Rava, Fondazione Libellula, Pane Quotidiano Onlus, Sport Senza Frontiere e UICI – Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Milano correranno insieme ai partecipanti per portare i propri messaggi al traguardo, ma avranno anche uno spazio all’interno del Village per promuovere le proprie attività. Ogni partecipante, contestualmente all’acquisto del ticket, avrà la possibilità di fare una donazione libera ad una delle Associazioni. L’iniziativa è presentata da RDS 100% Grandi Successi, che sarà anche protagonista sul palco del Village il 29 e 30 ottobre con tanta musica e un’ospite speciale: Petra Loreggian, in qualità di presentatrice. ‘Siamo entusiasti di partecipare a quest’evento con le molteplici anime del gruppo RDS, tutte attivamente impegnate su progetti che coinvolgono tematiche di inclusione, gender equality e rispetto della diversità – ha commentato il General Manager di RDS Massimiliano Montefusco – Avere un’occasione di scambio, diretta e aperta, con istituzioni e associazioni sul palco di Run For Inclusion è davvero importante per noi, rappresenta un momento unico dove poter ragionare insieme e disegnare un nuovo modo di fare impresa, implementando politiche efficaci di uguaglianza e tutela delle diversità’. Anche Hearst Italia, con le testate Gente, Marie Claire, Men’s Health e Runner’s World, avrà un ruolo chiave in qualità di Media Partner. “L’approccio di Hearst verso i propri utenti e partner è riassunto in ‘Vivere Meglio’: l’offerta di un intrattenimento responsabile, capace di moltiplicare le energie, stimolare un’attitudine al benessere, migliorare la società e aiutare le persone a vivere bene”. Sono le parole di Danilo Panella, Direttore Marketing Hearst Italia. “Hearst vuole condividere i propri valori contro ogni forma di discriminazione, adottando un linguaggio e un comportamento capace di affermare l’impegno del gruppo verso l’inclusione e contribuendo a creare un ambiente di lavoro in cui tutti i dipendenti siano trattati con rispetto, dignità e dove le differenze individuali siano valorizzate. Per questo Hearst insieme ai suoi brand continua a leggere sul sito di riferimento