Le nuove proposte: il podcast dei suoni e il portale sullo sport

Milano, 16 giu. (askanews) – Una guida turistica virtuale che suggerisce itinerari e risponde alle richieste più articolate dei viaggiatori, grazie all’intelligenza artificiale; un podcast strutturato come un’avventura sonora, alla scoperta dei luoghi e delle attività speciali della Slovenia attraverso le vibrazioni e gli echi dei suoi suoni. Sono queste le due principali novità della nuova campagna dell’Ente sloveno di promozione turistica.

Si tratta di proposte che “nascono da un meticoloso lavoro di ricerca sulle tendenze di oggi e di domani, che ci permette ogni volta di anticipare i trend e di toccare sempre le corde giuste, quando si tratta di raccontare la Slovenia a chi desidera visitarla per la prima volta o tornarci”, ha spiegato Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia.

Attraverso il portale slovenia.info, importante punto di riferimento per i viaggiatori italiani, che costituiscono la maggior parte dei 7 milioni di visitatori contati nel 2023, è possibile da ora in poi contare sull’intelligente aiuto di Alma, una consulente di viaggi virtuale in grado di parlare 7 lingue e di rispondere ad ogni domanda attingendo a un vasto database fornito, oltre che dai contenuti di slovenia.info, da più di 50 siti selezionati di organizzazioni di promozione turistica e altre realtà locali slovene.

“Siamo molto orgogliosi della nostra Alma – commenta Ota – così chiamata in onore di Alma M. Karlin, una delle grandi donne del Novecento sloveno e, di fatto, la prima travel influencer della storia: proprio come la vera Alma Karlin, la Alma virtuale conosce diverse lingue ed è in grado di fornire consigli su destinazioni e attività imperdibili della Slovenia. L’accuratezza e la puntualità delle sue risposte ci consentono di lanciarla come strumento non solo a disposizione di viaggiatori e curiosi, ma anche di tour operator e agenzie italiane che intendono strutturare un prodotto di qualità e sicuro per la propria clientela”.

Catturare le molte sfaccettature della Slovenia raccogliendone i suoni: questa la sfida di Sounds Like Slovenia, la serie podcast configurata come una vera e propria avventura sonora a puntate, dove protagonista è la vita quotidiana delle varie anime di questo Paese.

Dal lavoro dell’apicoltore, le cui mani sentiamo agire sul sottofondo del dolce ronzio delle api, al boato del pubblico dello stadio di Lubiana durante una ola, passando per lo scroscio della Ljubljanica sotto le campane della cattedrale di San Nicola fino alle ciaspole che affondano sulla neve di Komna.

“L’elemento del suono è un catalizzatore per tutti gli altri sensi – spiega Ota – non si può non ascoltare le mani di pasticcieri affaccendati a preparare la potica, senza immaginarsi già il profumo di cannella che riempie la stanza durante la cottura e il conseguente gusto all’assaggio; non si può ascoltare il giro della catena intorno al pignone della bici mentre si attraversa al tramonto, accompagnati dal canto dei grilli nel vicino campo di grano, senza sentire anche il vento sulla pelle … e così via: Sounds Like Slovenia vuole essere un invito a lasciarsi accompagnare, nelle attività quotidiane, dall’avvolgente melodia della vostra prossima destinazione”.

Considerando l’interesse suscitato a livello internazionale dalla Slovenia quale fucina di campioni per gli sport più disparati (e, in particolare, qui in Italia, con i trionfi degli sloveni Roglic e Pogacar nelle ultime due edizioni del Giro), l’Ente Sloveno per il Turismo ha concepito il nuovo portale Slovenia – a sports destination.

Si tratta di uno strumento in grado di racchiudere informazioni utili su impianti sportivi, eventi, ritiri di preparazione e riabilitazione, sostenendo ulteriormente lo sviluppo della Slovenia come destinazione sportiva e turistica di livello mondiale.

“Il nuovo sito web Slovenia – a sports destination – conclude Ota – è un passo avanti nei nostri sforzi per collegare sport e turismo. Si tratta di un punto d’incontro fondamentale tra la crescente domanda rivolta alla Slovenia proveniente anche dall’Italia, e l’eccellenza dell’offerta. Abbiamo messo finalmente un’altra tessera importante nel mosaico dello sviluppo della Slovenia come destinazione turistico-sportiva

continua a leggere sul sito di riferimento