Dopo marzo “valuterà evoluzione” delle linea monetaria

Roma, 2 feb. (askanews) – La Banca centrale europea ha alzato di altri 50 punti base (0,50 punti percentuali) i tassi di interesse dell’area euro, con cui il tasso sulle principali operazioni di rifinanziamento sale al 3%, il livello più elevato dall’ottobre del 2008 (3,25%).

Inoltre, ha esplicitamente affermato che ha già deciso che a marzo “intende innalzare i tassi di interesse di altri 50 punti base, per poi valutare la successiva evoluzione della sua politica monetaria”. L’indicazione si accompagna dal ribadire la generica indicazione che il Consiglio “continuerà ad aumentare i tassi di interesse in misura significativa a un ritmo costante e a mantenerli su livelli sufficientemente restrittivi da assicurare un ritorno tempestivo dell’inflazione al suo obiettivo del 2%”.

La mossa di oggi era ampiamente attesa ed era stata sostanzialmente preannunciata dalla stessa istituzione, che ha deciso di procedere a dispetto dei nuovi rallentamenti della dinamica inflazionistica. La crescita media dei prezzi al consumo nell’area euro, all’8,5% su base annua a gennaio, resta ben più elevata dell’obiettivo del 2% perseguito dalla stessa Bce. L’impegno su marzo era meno scontato e su questo ulteriori elementi potrebbero arrivare dalla conferenza stampa della presidente, Christine Lagarde alle 14 e 45.

continua a leggere sul sito di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui