“C’è ancora tempo per approvare la riforma”

Roma, 2 ott. (askanews) – “Le Province devono rinascere e deve essere garantito non solo un ritorno di risorse, ma anche un ritorno della democrazia perché devono essere i cittadini a decidere chi può guidarle”. Così Roberto Calderoli, ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, a un evento da Confindustria Cuneo, sottolineando che la “legge Delrio ha fallito”.

Per Calderoli “deve esserci un presidente della Provincia eletto dai cittadini e deve poter avere una sua squadra, dotandosi di una giunta vera e propria che lavori al governo del territorio”.

“Il percorso in Parlamento sembrava ben avviato ed ora si trova vincolato a diverse motivazioni per procedere. Alcune sono politiche, altre invece personali. Per come la vedo io, c’è ancora tempo per approvare la riforma e arrivare ad un election-day nel giugno 2024, risparmiando 225 milioni che si dovrebbero spendere in caso di turno elettorale non coincidente con altri. A conti fatti, sarebbe come sprecare in una volta sola il costo di circa 3 mandati per presidenti e assessori provinciali. Un costo che si potrebbe azzerare, accorpando le elezioni nel giugno 2024”, ha sottolineato il ministro.

continua a leggere sul sito di riferimento