De Luca attenda testo definitivo, mia risposta arriva con i fatti

Milano, 28 nov. (askanews) – La preoccupazione delle Regioni del Sud riguardo la riforma sull’Autonomia differenziata “si può superare per esempio definendo i livelli essenziali, che concernono i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Questo dovrebbe ridurre quelle sperequazioni che sono presenti sul territorio che non sono conseguenze dell’autonomia ma sono conseguenza di una gestione centralistica”. Lo ha affermato il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli, che ha esortato, a margine della Conferenza Lombardia 2030 in corso a Milano: “Superiamo quelle paure e aiutiamoli nel capire quali siano le varie possibilità che si possono aprire anche per loro”.

Al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che ha definito la riforma “sgangherata”, Calderoli ha replicato: “Non avendo ancora finito di scriverla, mi augurerei che abbia la pazienza di attendere il testo definitivo, poi dopo potrà formulare il suo giudizio. Però per esempio nessuno si aspettava che qualcuno mettesse in legge di stabilità la definizione dei livello essenziale delle prestazioni e la definizione dei costi e dei fabbisogni standard, che era uno dei primi quesiti posti da De Luca e da Emiliano. Quindi la mia risposta arriva con i fatti e non con le parole”, ha concluso Calderoli.

continua a leggere sul sito di riferimento