Domani, venerdì 11 novembre all’Odcec Roma (ore 9:30) una giornata di confronto tra magistrati e commercialisti sul nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza

ROMA – “L’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Roma e la Fondazione Telos sono da sempre impegnati ad offrire ai colleghi i più adeguati strumenti di aggiornamento professionale, curando eventi formativi con elevata qualità di contenuti e mirati ad arricchire la professione con competenze sempre nuove e al passo con i mutamenti normativi e di prassi nei diversi settori di interesse”.

Lo ha affermato Giovanni Calì (presidente dell’Odcec di Roma) che insieme ad Andrea Borghini (presidente Fondazione Telos) ha presentato il convegno “Il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: prime applicazioni giurisprudenziali ed esperienze a confronto”, in programma domani, venerdì 11 novembre 2022 dalle ore 9:30, presso la sede dell’Ordine e in diretta streaming.

L’evento sarà introdotto dai rappresentanti istituzionali degli Odcec di Roma, Napoli e Milano, della Fondazione Telos e di Unioncamere e vedrà la partecipazione di presidenti di Sezione e magistrati di diversi Fori italiani che, in varie sessioni di lavoro moderate da professionisti esperti nel settore, si confronteranno su numerosi temi di interesse correlati alle recenti novità introdotte dal nuovo impianto normativo, con un focus particolare sulle prime applicazioni giurisprudenziali in materia, nonché sui relativi riflessi anche in ambito penale.

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza – entrato in vigore il 15 luglio 2022 – rappresenta una riforma organica e profondamente innovativa nel campo del diritto concorsuale, proponendo anche un mutamento dell’approccio stesso alla gestione d’impresa.

Il nuovo compendio normativo, infatti, ponendosi come obiettivo principale quello di favorire l’emersione anticipata della crisi di impresa e la tempestiva adozione delle misure necessarie a farvi fronte, da un lato, ha introdotto nuovi strumenti di definizione e regolazione della crisi e dell’insolvenza e, dall’altro, ha radicalmente riformato taluni istituti già disciplinati dalla previgente Legge Fallimentare.

“Per tutti gli Iscritti all’Ordine sarà una rilevante opportunità formativa grazie allo spessore delle personalità del mondo del diritto che interverranno. Un evento di aggiornamento professionale che mira a fornire gli strumenti utili, tanto sotto il profilo teorico quanto sotto quello pratico, attraverso l’esperienza maturata sul campo da chi quotidianamente si occupa della materia”, ha sottolineato il presidente della Fondazione Telos, Andrea Borghini.

L’articolo Calì (commercialisti): “In prima linea per una formazione di qualità” proviene da Notiziedì.

continua a leggere sul sito di riferimento