Una sfida tecnica, Pechino rafforza sempre più spinta su rinnovabili

Roma, 6 ott. (askanews) – La Cina ha aperto sull’Himalaya quello che apparentemente è il parco eolico più alto del mondo, in una spinta per testare anche i limiti tecnici di una tecnologia che ha un ruolo importante nella transizione energetica.

Nella regione autonoma del Tibet, secondo quanto ha scritto oggi il South China Morning Post, il parco eolico costruito nella contea di Comai, a un’altitudine che arriva a 5.200 metri, è stata collegata alla rete elettrica. Al momento sono attive 15 turbine eoliche.

Il progetto è stato finanziato dalla Three Gorges Corporation, di proprietà statale. Si prevede che le 15 turbine, con capacità per singola unità fino a 3,6 megawatt (MW) – un record per i parchi eolici ad alta quota in Cina – genereranno 200 milioni di kilowattora di elettricità pulita all’anno.

Secondo una dichiarazione di Three Gorges su WeChat, ciò equivale al consumo energetico annuo di 140mila famiglie locali, ovvero più del 10% di tutte le famiglie tibetane.

La sua produzione annuale di energia, se pienamente realizzata, potrebbe far risparmiare più di 60mila tonnellate di carbone ogni anno, riducendo 173mila tonnellate di emissioni di anidride carbonica e 20 tonnellate di emissioni di anidride solforosa, secondo quanto ha screitto l’agenzia di stampa statale Xinhua.

Lei Mingshan, presidente della Three Gorges Corp., ha affermato che il progetto “è di grande importanza per lo sviluppo di più impianti eolici ad altissima quota in Cina, nonché per lo sviluppo economico e sociale della regione”.

Secondo un rapporto sull’energia elettrica del China Electricity Council di luglio, la Cina, il più grande produttore mondiale di energia rinnovabile, ha generato il 36,2% della sua elettricità da combustibili non fossili nel 2022. In totale, l’8,8% dell’elettricità cinese proviene dal vento.

L’anno scorso la capacità eolica installata nel paese ha raggiunto i 365 gigawatt (GW), pari al 40% del totale globale e al primo posto a livello mondiale per 13 anni consecutivi.

La collocazione di un parco eolico ad altitudine così elevata è una sfida tecnica. La quantità di energia generata dalle turbine è correlata sia alla densità dell’aria che alla velocità del vento, l’efficienza di una turbina viene ridotta dall’aria rarefatta nelle aree ad alta quota. Pertanto, per aumentare la produzione di energia da una singola unità, le turbine appena installate hanno un diametro del rotore di 160 metri, ovvero circa 20 metri più lungo rispetto a unità comparabili in altre regioni. Ciò aumenta la circonferenza delle pale rotanti di quasi il 30%.

Per funzionare in modo efficiente in un ambiente estremo, tutte le turbine sono dotate di rivestimenti elastici, moduli di protezione UV e contro i fulmini e cavi spessi, secondo i commenti nei media statali del direttore tecnico del progetto, Li Chunshan.

Three Gorges Corp., che gestisce anche la più grande diga idroelettrica del paese, ha completato a luglio un altro innovativo parco eolico al largo della provincia del Fujian. Si tratta del primo parco eolico offshore al mondo che utilizza turbine da 16 MW, gestito dalla società. Le turbine dell’impianto sono dotate di torri da 152 metri e ciascuna turbina ha il diametro della girante più lungo del mondo, pari a 252 metri, un’area spazzata di circa 50.000 metri quadrati e il peso per MW più leggero. È in grado di produrre più di 66 gigawatt di elettricità pulita all’anno.

continua a leggere sul sito di riferimento