Non scendiamo a patti con mafia né anarchici

Roma, 7 feb. (askanews) – “Mi pare che le ‘informazioni sensibili’ fossero già sui quotidiani e non coperte da segreto, ho già risposto a questa domanda. Non penso ci sia bisogno di dimissioni, la Procura fa il suo lavoro, il ministero ha detto che non erano informazioni coperte da segreto”. Lo ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, al termine dell’incontro nella Prefettura di Milano con il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, tornando sul caso delle rivelazioni del sottosegretario Delmastro al collega di partito e vicepresidente del Copasir Donzelli sul caso Cospito. Caso sul quale la Procura di Roma ha avviato un’indagine.

Sul caso delle minacce anarchiche “mi pare che non tutti abbiano la stessa sensibilità, ho letto – ha aggiunto Meloni – ricostruzioni lunari che dicono che di fronte ad auto che saltano dei funzionari dello Stato il governo fa allarmismo su un pericolo che non esiste, magari per giustificare in futuro provvedimenti di restrizione delle libertà. Io non so in quale film di fantascienza alcuni vivano, penso semplicemente che su alcune cose le istituzioni dovrebbero compattamente dire da che parte stare e su questo sicuramente ci sono sensibilità diverse. Io credo che uno Stato serio non debba scendere a patti con chi lo minaccia, e questo vale per la mafia ieri e per gli anarchici oggi”.

continua a leggere sul sito di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui