La riduzione non compensa ancora gli aumenti: spesa +36% su anno

Roma, 2 feb. (askanews) – Deciso calo per la bolletta del gas per le famiglie ancora in tutela. In base all’andamento medio del mercato all’ingrosso italiano nel mese di gennaio 2023 e per i consumi dello stesso mese, per la famiglia tipo in tutela (quella con consumi medi di gas di 1.400 metri cubi annui) si registra una diminuzione del -34,2% della bolletta rispetto al mese di dicembre 2022.

“La riduzione per il mese di gennaio in termini di effetti finali, ancora non compensa del tutto gli alti livelli di prezzo raggiunti nell’ultimo anno, con la spesa gas per la famiglia tipo nell’anno scorrevole (febbraio 2022-gennaio 2023) che risulta di circa 1.769 euro, +36% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (febbraio 2021- gennaio 2022)”, spiega l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente che aggiorna le tariffe.

La componente del prezzo del gas a copertura dei costi di approvvigionamento, spiega Arera, applicata ai clienti ancora in tutela, viene aggiornata come media mensile del prezzo sul mercato all’ingrosso italiano e pubblicata entro i primi 2 giorni lavorativi del mese successivo a quello di riferimento.

Per il mese di gennaio, che ha registrato una quotazione media all’ingrosso sensibilmente più bassa rispetto a quella del mese di dicembre, il prezzo della materia prima gas per i clienti con contratti in condizioni di tutela, è pari a 68,37 euro/MWh.

continua a leggere sul sito di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui