Dal 23 settembre al 15 ottobre

Roma, 2 ott. (askanews) – Ad Aprilia è in corso di svolgimento la mostra di Antonella Bonaffini “Ergo sum”. Un titolo non casuale che sembra voler rimarcare la volontà di esistere e di poter ancora argomentare nonostante questo difficile momento storico. Un appuntamento importante, quindi, perché nell’arte esprime la volontà di reagire alle preoccupazioni e alle angosce a cui il Covid ci aveva abituati. Una reazione che riporta nel centro delle nostre vite, la ricerca del bello e della bellezza.

Messinese di nascita ma romana di adozione, Antonella Bonaffini vanta mostre in ambito nazionale ed internazionale. Ad Aprilia le sue tele si ispirano allo stile tratteggiato di Van Gogh e ripropongono figure appena accennate, in cui a imperare sarà sempre il colore, in un insieme che mira ad arrivare dritto all’occhio di chi osserva, senza alcuna mediazione, riuscendo ad emozionare. L’artista è stata denominata “la pittrice del buio” per la base esclusivamente nera che caratterizzava le sue opere, ma da anni una spiccata capacità cromatica sembra rendere riconoscibile ogni sua tela.

Le opere sono in mostra nelle sale del teatro Europa di Aprilia dal 23 settembre. Patrocinata dal Comune, si protrarrà sino al 15 ottobre.

continua a leggere sul sito di riferimento