Quest’anno colpito più il Sud. Servono azioni comuni da Ue

Roma, 9 mag. (askanews) – “La crisi idrica da 20 anni colpisce diverse aree del paese: quest’anno è stata colpito molto di più il Sud e la Sicilia e per fortuna molto di meno le regioni del Nord come il Piemonte che produce un valore del vino eccezionalmente rilevante”. Lo ha detto il ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida rispondendo al question time al Senato a una interrogazione sugli effetti della siccità sul settore vitivinicolo con particolare riferimento alla regione Piemonte, reduce da due annate disastrose per via dei cambiamenti del clima.

“Noi dobbiamo difendere quella agricoltura che serve alla manutenzione del territorio”, ha aggiunto il ministro ricordando che nel decreto Agricoltura è prevista anche la nomina di un Commissario. “L’Italia – ha aggiunto – ha una incapacità di captazione delle acque piovane e una forte dispersione in rete: un fenomeno drammatico che va fermato. Vogliamo che l’Italia sia tra le nazioni efficienti nel sistema idrico e stiamo tentando di invertire la tendenza. Stiamo lavorando in Ue per chiedere azioni comuni per affrontare insieme le emergenze che sono effetti collaterali dovuti al cambiamento climatico”, ha concluso.

continua a leggere sul sito di riferimento