Il Presidente dalla Slovacchia lancia l’allarme sui rischi di disinformazione russa

Bratislava, 20 apr. (askanews) – Il nazionalismo è un virus insidioso che illude e divide, perchè non dà risposte ai problemi globali e impedisce ai paesi di collaborare tra loro. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella prima di lasciare Bratislava e la Slovacchia ultima tappa del suo viaggio nell’est Europa, in due dei paesi di Visegrad, l’alleanza tra sovranisti che frenano sull’integrazione e la solidarietà, ha lanciato ancora un appello all’unità dell’Unione europea.

“L’esasperazione del nazionalismo è un virus insidioso che, con l’illusione della sovranità, in realtà azzera la capacità di dare risposte di governo dei problemi – ha ammonito il capo dello Stato al termine dell’incontro con la presidente slovacca Zuzana Caputova – che richiedono invece un concorde impegno solidale, di carattere sovranazionale”.

In questi giorni tra Polonia e Slovacchia il Presidente della Repubblica ha intensificato la sua azione diplomatica in favore dell’Unione europea e dell’alleanza atlantica, cercando di rinnovare e rilanciare i già buoni rapporti con Varsavia e Bratislava. Ieri ha fatto un discorso supereuropeista nella storica università di Cracovia e oggi dopo il colloquio con la presidente slovacca ha sottolineato l’unità di intenti tra Italia e Slovacchia: “Quando parliamo di Ue e collaborazione internazionale parliamo del contrasto a un virus pericoloso che richia di contrapporre anzichè indurre a collaborare come è necessario – ha spiegato Mattarella -. Abbiamo di fronte una quantità di sfide: la pandemia, che non possiamo escludere si ripresenti in futuro, e ha colpito tutti; abbiamo la sfida ambientale, una sfida globale anch’essa; quella migratoria; la sfida di un mondo interconnesso e ristretto in cui l’economia supera i confini. Tutte queste sfide richiedono risposte di grande collaborazione sovranazionale, nessun paese da solo è in grado di rispondere”, ha detto il capo dello Stato.

Sia la Polonia che la Slovacchia si trovano in una fase elettorale importante, in autunno voteranno per rinnovare l’esecutivo e i partiti nazionalisti qui sono forti. La Presidente Caputova lo dice esplicitamente: “il nazionalismo crescente e l’estrema destra che avanza in alcuni Paesi sono elementi di cui bisogna discutere purtroppo”, ha detto denunciando un altro tema molto sentito qui in Slovacchia e nell’est in generale vista la vicinanza con la Russia: la disinformazione: “dobbiamo pensare a come rappresentare e comunicare meglio i valori democratici, facendo vedere al popolo i risultati della democrazia, perché i populisti diffondono la paura, propongono soluzioni radicali e irreali, chi lavora per la democrazia porta benefici”, ha spiegato.

Su questo aspetto Mattarella chiede una maggiore incisività da parte di Ue e Nato: “La disinformazione colpisce tutti i paesi, è un’azione insidiosa alimentata dalla federazione russa che va contrastata con maggiore efficacia, richiede consapevolezza in Ue e nella Nato. E’ un pericolo insidioso che può incrinare non solo la pubblica opinione ma insinuare dubbi diffondendo false notizie a discapito della corretta informazione”, ha aggiunto il capo dello Stato.

Le due ancòre a cui aggrapparsi, in una stagione di nuovi conflitti e tensioni sono perciò Ue e Nato, che non devono essere messe in contrapposizione come potrebbe accadere nella delicata partita tra Ucraina e Russia. “L’Unione europea come la Nato è una comunità di valori che nasce sul principio della libertà delle persone e dei popoli, sulla garanzia dei diritti. Questo tiene insieme Ue e Nato, su questo siamo pienamente schierati e consapevoli”, ha scandito rifiutando di rispondere a temi al di fuori di quelli oggetto del viaggio: “Mi sono dato una regola: non rispondo a domande di politica interna quando sono all’estero”, ha risposto ai giornalisti italiani che gli chiedevano dell’attesa approvazione del Mes e dell’altolà giunto dalla Corte di giustizia Ue sulle concessioni balneari.

“E’ in gioco il futuro di pace dell’Europa – ha ripetuto -. Se riuscisse l’aggressione russa in Ucraina, altre ne seguirebbero, mettendo a rischio l’indipendenza di altri paesi. Non possiamo consentirlo e l’Italia intende assicurare questo impegno”. Non a caso arrivando in Slovacchia ieri pomeriggio, nonostante una fitta agenda il Presidente della Repubblica, ha voluto visitare insieme alla presidente slovacca la base aerea di Malacky-Kuchyna, dove sono presenti 150 nostri militari nell’ambito di un contingente Nato, come ha ricordato Caputova: “i nostri Paesi forniscono aiuto militare” a Kiev, un sostegno che da parte dell’Italia sarà assicurato “finchè sarà necessario, finchè sarà richiesto e sotto ogni profilo: finanziario, militare, umanitario”, ha detto Mattarella che prima di lasciare la Slovacchia e rientrare a Roma ha avuto un colloquio con il primo ministro slovacco Eduard Heger, temi dell’incontro: disinformazione, guerra in Ucraina e dipendenza energetica. A margine della visita del capo dello Stato, infatti, Eni e SPP, il più grande fornitore di energia della Slovacchia, hanno firmato un memorandum per la cooperazione commerciale nei settori del gas e del gnl, volto a individuare iniziative che permettano alla Slovacchia di diversificare le forniture di gas.

Gal

continua a leggere sul sito di riferimento