Annuncio alla Conferenza Our Ocean ad Atene

Roma, 20 apr. (askanews) – Con una mossa storica per salvaguardare l’integrità ecologica del Mar Mediterraneo, le organizzazioni filantropiche intendono contribuire all’ambizioso obiettivo di proteggere il 30% del Mediterraneo entro il 2030, con il 10% designato come area strettamente protetta. Per raggiungere questo obiettivo, si stima che saranno necessari 277 milioni di dollari. La Fondazione Principe Alberto II di Monaco, con il sostegno di importanti donatori privati e pubblici, ha promesso un totale di 60,8 milioni di USD per le iniziative di conservazione marina nei prossimi cinque anni. A loro si uniscono nello sforzo di sostenere l’obiettivo globale ’30×30′ nell’area, altri importanti donatori privati. L’annuncio è stato fatto in occasione della Conferenza Our Ocean organizzata ad Atene, in Grecia, dal 15 al 17 aprile. L’area del Mediterraneo, rinomata per la sua ricca biodiversità marina e per il suo status di hotspot globale per le specie endemiche, sta affrontando minacce crescenti dovute al cambiamento climatico, all’inquinamento e a pratiche di pesca non sostenibili.  Nonostante gli sforzi compiuti in passato, solo l’8,33% del Mediterraneo gode attualmente di protezione, con regolamenti spesso più deboli all’interno delle aree marine protette (AMP) che all’esterno. Inoltre, solo l’0,23% dell’area del Mediterraneo è completamente o comunque ben protetta. Consapevoli dell’urgenza della situazione, i finanziatori sottolineano la necessità di un’azione decisiva per preservare i fragili ecosistemi del Mediterraneo. L’obiettivo è quello di eliminare gradualmente attività distruttive come la pesca a strascico e di rafforzare la gestione delle aree marine protette esistenti, come il Santuario Pelagos, che costituisce quasi la metà dello spazio marino protetto del Mediterraneo. Il consistente impegno finanziario da parte di donatori pubblici e privati sottolinea la determinazione collettiva ad affrontare le pressanti sfide di conservazione del Mar Mediterraneo. La speranza è quella per cui questa iniziativa ispiri un ulteriore sostegno da parte di altri donatori e partner che si uniscano allo sforzo di proteggere uno degli ecosistemi marini più vitali del mondo.   “Gli sforzi per proteggere il Mar Mediterraneo sono cresciuti nel corso degli anni, ma non abbastanza velocemente. Lo scorso anno, i Paesi si sono impegnati a raggiungere l’obiettivo globale 30×30. È necessaria un’azione urgente a tutti i livelli, se vogliamo raggiungere questo obiettivo ambizioso. Con questo impegno, i donatori privati e pubblici invitano gli altri a unirsi allo sforzo. Ci impegniamo a spingere per una protezione effettiva del 30% entro il 2030, compreso un 10% di protezione assoluta”, ha dichiarato il principe Alberto II di Monaco. “Siamo entusiasti di vedere il nostro budget per i progetti di protezione marina della rete Conservation Collective nel Mediterraneo crescere di anno in anno. C’è molto da fare e non c’è niente di più gratificante che vedere le AMP gestite in modo efficace ridare vita a questo mare magico”, così Ben Goldsmith, presidente e fondatore del Conservation Collective . Dona Bertarelli, filantropa, patrona dell’IUCN per la natura e sostenitrice degli oceani, ha dichiarato: “Sono orgogliosa di far parte di uno sforzo collettivo per espandere la protezione del Mediterraneo, un’area di immensa importanza ecologica e ricca di biodiversità. Con l’introduzione dell’impegno di finanziamento 30×30, siamo uniti nel nostro obiettivo di garantire che il 30% del Mediterraneo sia effettivamente preservato. Questo impegno si basa sui principi del processo decisionale inclusivo e della responsabilizzazione delle comunità locali, che sono fondamentali per il futuro sostenibile del Mar Mediterraneo. Concentrando maggiori risorse finanziarie nella protezione dell’ambiente marino, investiamo in iniziative positive di conservazione della natura che salvaguardano sia la biodiversità che i mezzi di sussistenza locali. Spero che il nostro approccio collaborativo possa ispirare gli sforzi globali e fungere da modello per la protezione di risorse naturali inestimabili per le generazioni a venire”.

continua a leggere sul sito di riferimento