“Ma va fatto in accordo con i Paesi del Nord Africa”

La Valletta (Malta), 29 set. (askanews) – “Da parte dell’Europa c’è una disponibilità a lavorare su pattugliamenti congiunti, ma bisogna ragionare con le autorità del Nord Africa perché per farlo in modo efficace va fatto in modo diverso da come fatto finora. E’ una delle cose di cui dobbiamo parlare soprattutto con le persone interessate”. Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, parlando con i giornalisti a margine del Med9 di Malta.

Meloni ha ricordato “la terza parte della missione Sophia, che non fu mai attuata perché la prima parte era un pull factor e quindi fu annullata di fatto la missione”, ma anche “Irini, che fu immaginata prevalentemente per il traffico di armi e che ha tra i propri obiettivi anche la lotta ai trafficanti. Anche quello può essere uno strumento di cui parlare”.

Ogni eventuale missione di pattugliamento navale comunque, ha ribadito, va fatta “in accordo con le autorità del Nord Africa”.

continua a leggere sul sito di riferimento