Indagine CNA Turismo e Commercio: in Lombardia ricavi per 88 mln euro

Milano, 6 apr. (askanews) – Un’indagine di CNA Turismo e Commercio prevede che saranno circa 1,7 milioni i turisti che nel 2023 si dedicheranno al turismo enologico in Lombardia sugli oltre 10 milioni (ci cui tre stranieri) che lo faranno in tutta Italia. Si tratta di turisti che visiteranno le circa tremila aziende vitivinicole lombarde e che pernotteranno almeno una notte fuori casa in strutture alberghiere e, spesso, extra-alberghiere, generando ricavi per circa 88 milioni di euro.

Quest’anno gli enoturisti che raggiungeranno lo Stivale, lo faranno principalmente da Francia, Germania, Regno Unito, Austria, e fuori dal Vecchio Continente, da Stati Uniti e Giappone.

“L’enoturismo nella nostra regione rappresenta uno dei patrimoni culturali e gastronomici più preziosi, capace di attrarre sempre più visitatori provenienti da tutto il mondo” ha dichiarato la Presidente di CNA Lombardia Turismo e Commercio, Eleonora Rigotti, spiegando che “la grande qualità dei vini prodotti, la bellezza dei paesaggi e la passione dei produttori rendono questa esperienza unica e indimenticabile”. “Si tratta di un patrimonio collettivo che dovrà portare i territori ad una maggiore collaborazione e ad un cambio di mentalità da parte dei produttori nei riguardi dei propri colleghi, che dovranno essere visti come partner e non più come competitor” ha proseguito Rigotti, concludendo che “l’enogastronomia rappresenta un autentico driver economico per incentivare la destagionalizzazione del turismo, in grado di diversificare i territori promuovendo la scoperta di borghi meno noti ma altrettanto caratteristici, dove i turisti enologici, con elevata capacità di spesa, contribuiscono a generare ricchezza e sviluppo economico per il territorio”.

Questa tendenza di crescita del “food & wine” in Lombardia, che secondo i recenti dati di Polis Lombardia, (l’Istituto regionale per il supporto alle politiche della Lombardia) può contare su quasi 30mila strutture ricettive con circa 470mila posti letto, può essere attribuita alla grande varietà di vini prodotti nella regione con 1.4 milioni di ettolitri su di una superficie di 30mila ettari coltivati e all’elevata qualità del prodotto testimoniata dalle 5 Docg, 21 Doc e 15 Igt. A tutto ciò si aggiunge l’exploit nel corso del 2022 delle esportazioni che sono cresciute del 7,8% rispetto al 2021, raggiungendo poco meno di 320 milioni di euro.

continua a leggere sul sito di riferimento