Quattro serate nell’antica Chiesa di San Giorgio a Salerno, in occasione del 150 anniversario della nascita del grande compositore

Otto giovani pianisti rendono omaggio a Sergej Rachmaninov nella ricorrenza del 150° anniversario della nascita del grande compositore e pianista russo.

Inizia a Salerno, sabato 30 settembre (ore 19.30) nella suggestiva cornice della Chiesa di San Giorgio, il “Progetto Rachmaninov e dintorni” ideato e promosso dall’Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli e realizzato in collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Martucci, con il patrocinio della Fondazione Emiddio Mele e del Comune di Salerno.

Inizia così una programmazione musicale, coordinata dal Maestro Costantino Catena, che, in quattro serate fino al prossimo sabato 28 ottobre, impegnerà otto giovani talenti, allievi della Scuola di pianoforte del prestigioso Conservatorio salernitano, nell’esecuzione di brani scelti sia dal repertorio di Sergej Rachmaninov che da quello di altri autori russi a lui vicini, come Alexandr Skrjabin e Sergej Prokofiev.

L’iniziativa rientra nel ciclo di attività “Salerno – Grande Musica a San Giorgio” che per il secondo anno propone “appuntamenti musicali site specific – sottolinea Tommaso Rossi, Direttore Artistico dell’Associazione Scarlatti – ideati per lo splendido scenario della Chiesa di San Giorgio, rifulgente di opere d’arte ma anche eccellente spazio acustico, perfetto per esecuzioni musicali naturalmente rispettose di questo antico e sacro luogo”.

La programmazione inizia, il 30 settembre, con il concerto che impegna i pianisti Luigi Merone (nella  “Sonata n. 2 in re minore op. 14” di Sergej Prokofiev  e negli “Etudes-tableaux op. 39 nn. 2, 4, 6”) e Alessandro Volpe (“Morceaux de salon op. 10” di Sergej Rachmaninov , “Studio op. 8 n. 12” di Alexandr Skrjabin e  “Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83” di Sergej Prokofiev.

Nelle successive date si esibiranno poi i pianisti Federico Cirillo e Lorenzo Villani (sabato 7 ottobre), Davide Cesarano e Giovanna Basile (sabato 21) e, infine, William Pio Cristiano e Gianantonio Frisone (sabato 28).

“Dopo aver prodotto l’integrale delle “Sonate” di Beethoven e quello delle “Sonate” e “Fantasie” di Mozart – commenta Costantino Catena – continua nel nome di Rachmaninov la collaborazione tra l’Associazione Scarlatti ed il Conservatorio Martucci.

Nella chiesa di San Giorgio, gioiello barocco della città, oltre a celebrarne il 150 anniversario dalla nascita, i nostri giovani talenti realizzeranno un approfondito percorso musicale che offrirà l’occasione agli spettatori di esplorarne l’opera e di porla a confronto con un contesto esteso che include preziosi esempi tratti dalla produzione di Prokofiev, che moriva esattamente 70 anni fa nel marzo del 1953 a Mosca, e di Skrjabin.

Compositore visionario, Alexandr Skrjabin ha rappresentato sia l’antitesi del suo contemporaneo e più conservatore Rachmaninov, sia l’imprescindibile modello di riferimento per il “futurista” Prokofiev”.

“Progetto Rachmaninov e dintorni” alla Chiesa di San Giorgio a Salerno

L’articolo Otto giovani pianisti in omaggio a Rachmaninov proviene da Notiziedi.it.

continua a leggere sul sito di riferimento