Per Taipei si vuole applicare il sistema “Un paese, due sistemi”

Roma, 7 apr. (askanews) – Il futuro di Taiwan risiede nella riunificazione con la Cina e le differenze sistemiche tra Pechino e Taipei non saranno d’ostacolo alla riunificazione. L’ha affermato oggi la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning nella quotidiana conferenza stampa.

“Il futuro di Taiwan risiede nella riunificazione della Cina e il benessere delle persone a Taiwan dipende dal ringiovanimento della nazione cinese. La differenza nei sistemi attraverso lo Stretto non è una barriera alla riunificazione o una scusa per la divisione”, ha detto Mao, aggiungendo che il principio “un paese, due sistemi” terrà “in piena considerazione” la realtà di Taiwan ed è la base per risolvere la questione intorno all’isola.

Gli sforzi per sostenere l’indipendenza dell’isola in modo da contenere la Cina sono pericolosi e non porteranno da nessuna parte, ha detto ancora la portavoce.

Nel corso della giornata, l’ex presidente di Taiwan Ma Ying-jeou, in conclusione della sua prima visita nella Cina continentale, ha criticato l’attuale leadership taiwanese per aver aggravato la situazione nella regione. “I nostri politici continuano a mettere in pericolo Taiwan. Il futuro è una scelta tra pace e guerra”, ha dichiarato Ma .

Mercoledì la presidente taiwanese Tsai Ing-wen ha incontrato il presidente della Camera degli Stati Uniti Kevin McCarthy e altri legislatori a Los Angeles, in California, durante il suo “transito” negli Usa.

continua a leggere sul sito di riferimento