Sul cartellone: “Nuova vita a mega successi delle star” italiane

Milano, 3 feb. (askanews) – Proprio mentre continuano le polemiche in Italia per la partecipazione del presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Sanremo, al Teatro del Cremlino si organizza un Sanremo alternativo, per il 25 maggio, dal titolo: “Felicità – Sanremo, le hit d’oro”. La compagnia Moscow Show annuncia in un comunicato intercettato da askanews: “nuova vita dei mega successi delle star di Sanremo: Adriano Celentano, Al Bano e Romina Power, Ricchi e Poveri, Andrea Bocelli, Gianni Morandi, Toto Cutugno, Pupo ed Eros Ramazzotti”. E sul suo sito ha già messo in vendita i biglietti del concerto che vanno da duemila a 20mila rubli (da 20 a 250 euro equivalenti).

A eseguire i brani “l’Orchestra Sinfonica di Mosca “Filarmonica Russa” diretta da Roberto Molinelli”. In cartellone compaiono anche voci “dall’Italia”: “Clarissa Vichi, Roberto Cardillo, Antonello Ferri” oltre a “Marianna Savon, Liliya Veltman, ed Edward Khacharyan”.

L’amore russo per Sanremo sbocciò il 20 luglio 1984: la televisione sovietica mandò in onda praticamente tutto il Festival della Canzone Italiana. Una decisione che il presidente della Radiotelevisione di stato Sergey Lapin prese personalmente e addirittura in contrasto con Suslov, l’ideologo numero uno del Pcus: milioni di cittadini sovietici videro per la prima volta Riccardo del Turco, Albano e Romina Power e il “reuccio” Claudio Villa. Il successo fu senza precedenti e fu il primo afflato di libertà, prima della caduta della Cortina di Ferro. Ma quello che andò in onda allora era soltanto un condensato di Sanremo della durata di un’ora.

Le canzoni scomode erano state eliminate. Fu proibito ad esempio di vedere Castelnuovo e di ascoltare la sua canzone. Perche “Nina” parlava di una ragazza che aspettava il suo amore in guerra. Tuttavia il trionfo fu tale che una valanga di lettere entusiaste arrivò a Ostankino, la sede della tv a Mosca ospitata da una delle torri più alte del mondo. Inevitabile la replica di Sanremo. Fu trasmessa il 20 settembre, in seconda serata. Da quell’anno le canzoni italiane imperversarono.

continua a leggere sul sito di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui