Blackstone, Bain, CVC, Carlyle puntano su Tokyo

Roma, 11 giu. (askanews) – Lo yen debole, insieme ad altri fattori, sta facendo da magnete verso il Giappone per i giganti del private equity. Lo ha detto al Nikkei Jonathan Gray, il presidente di Blackstone, uno dei principali fondi che punta a raggiungere i 1.500 miliardi di yen, quasi di 9 miliardi di euro entro il 2027.

“Ci sono diversi fattori che si sono combinati e che hanno davvero accelerato la crescita nell’economia giapponese delle opportunità di investimento”, ha detto Gray. “E’ stato il ritorno dell’inflazione nell’economia giapponese, la forza del mercato azionario, le politiche del primo ministro (Fumio) Kishida, che hanno incoraggiato i singoli giapponesi a passare da risparmiatori a investitori, cosa che riteniamo molto importante, come anche l’incoraggiamento delle aziende a concentrarsi sul rendimento del capitale proprio e a vendere le divisioni non strategiche”.

Sulla stessa linea Bain Capital, secondo quanto scrive Nikkei. A quanto ha detto David Gross, uno dei pezzi da 90 del fondo, ha dichiarato in una recente intervista che il gestore patrimoniale intende investire oltre 5mila miliardi di yen(29,6 miliardi di euro) entro la fine dell’anno fiscale 2029, circa il doppio rispetto ai cinque anni precedenti. Bain è tra l’altro alla guida del consorzio che ha acquistato il business dei semiconduttori di Toshiba per 2mila miliardi di yen (11,8 miliardi di euro) nel 2018.

Ancora, Carlyle Group ha concluso la raccolta fondi per un nuovo fondo di buyout focalizzato sul Giappone, che al momento ha una dotazione di 430 miliardi di yen (2,5 miliardi di euro). A maggio il fondo ha annunciato un’offerta pubblica di acquisto da 130 miliardi di yen (770 milioni di euro) per KFC Holding Japan, che detiene la rete dei ristoranti KFC nell’Arcipelago.

KKR, dal canto suo, punta a investire oltre 1.000 miliardi di yen (quasi 6 miliardi di euro) in Giappone nel prossimo decennio, mentre CVC Capital Partners ha lanciato un fondo focalizzato sull’Asia da 6,3 miliardi di euro, un quinto dei quali destinato al Giappone.

continua a leggere sul sito di riferimento