“Entro il 2024 al via Parco delle Tre Fontane e Villa Flora”

Roma, 22 feb. (askanews) – Ventuno interventi per un importo complessivo stimato in circa 63 milioni di euro: è il primo passo del Piano “100 Parchi per Roma”, che ha come obiettivo il recupero, la riqualificazione e la valorizzazione di 100 parchi e aree verdi della città in 10 anni restituendole alla piena fruibilità pubblica. Lo ha presentato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri in Campidoglio, con l’assessora all’Ambiente Sabrina Alfonsi, “un blocco importante della nostra strategia di realizzazione e riqualificazione di cento parchi per Roma, con i 21 per i quali è stata completata la progettazione preliminare. Una strategia importante e cruciale: il tessuto verde della citta deve essere un elemento di modernità di Roma che richiede un forte investimento”.

Entro il 2024 al via i cantieri di riqualificazione del Parco delle Tre Fontane e Villa Flora e, sempre entro il 2024, verranno espletate le procedure di gara per l’affidamento dei lavori degli altri 14 progetti finanziati.

Roma, ha ricordato Gualtieri, “è una citta verde e agricola ma ha una fruibilità molto scarsa: va fatto un lavoro di ricucitura, nelle periferie ci sono spazi ma non ci sono parchi – ha sottolineato -. Questo lavoro fa parte anche della nostra strategia di non consumo di nuovo suolo. Noi oggi pensiamo sia la stagione della trasformazione urbana e della rigenerazione: non partiamo da zero perché abbiamo già restituito alla citta 7 parchi, e sono partiti i lavori su un’altra quindicina di parchi. Abbiamo in corso più di una ventina di interventi. Ora partiamo con nuova tranche di 21, per arrivare a cinquanta in questa legislatura e cinquanta nella successiva”.

Tutti i progetti vanno ad intervenire al di fuori delle Mura Aureliane, individuando parchi e giardini già esistenti e recuperando aree inutilizzate o degradate per renderli verde pubblico fruibile. “Roma è già la città più verde d’Europa – ha concluso Gualtieri – ma occupa un territorio vastissimo, ricco di spazi che aspettavano solamente di essere resi davvero fruibili dai cittadini. L’attesa sta finendo, quel tempo è ora arrivato”.

continua a leggere sul sito di riferimento