L’Istat: dal 1861 residenti più che raddoppiati e 5 mln di stranieri

Milano, 7 feb. (askanews) – La popolazione residente più che raddoppiata, con il numero di anziani over 65 che supera di gran lunga quello di under 15, e con un percentuale sempre maggiore degli stranieri, arrivati a oltre 5 milioni. E’ quanto emerge dalla pubblicazione “Storia demografica dell’Italia dall’unità a oggi” lanciata dall’Istat e dedicata alla trasformazione del Paese negli ultimi 160 anni attraverso i cambiamenti demografici: l’aumento della popolazione e il suo invecchiamento, l’inurbamento, l’emigrazione verso l’estero e le aree forti del paese, sostituita oggi dall’immigrazione.

In particolare, l’allungamento della vita e la contrazione della natalità hanno determinato l’aumento del numero di anziani e la riduzione di quello dei giovani. Se infatti da un lato la popolazione residente è passata da 26 milioni nel 1861 (ai confini attuali) fino a 59 milioni al 1 gennaio 2022 (con oltre 1,3 milioni di residenti in meno dal 2014 a oggi), nello stesso periodo le persone anziane, con 65 anni e oltre, sono passate dal 4,2% fino al 23,8% della popolazione, mentre i giovani sotto i 15 anni sono diminuiti dal 34,2 al 12,7%.

Secondo lo studio, i flussi migratori internazionali, dopo avere contrastato la crescita naturale della popolazione per oltre un secolo, negli ultimi vent’anni ne hanno compensato la diminuzione e contribuito a modificarne le caratteristiche. Gli stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2022 sono infatti 5,1 milioni, oltre metà in arrivo da Paesi europei. Tra il 2012 e il 2021, inoltre, hanno acquisito la cittadinanza italiana 1,3 milioni di residenti stranieri, mentre gli italiani all’estero e iscritti all’AIRE sono 5,8 milioni, oltre metà dei quali è concentrata in Argentina, Germania, Svizzera, Francia e Brasile.

Quanto ai residenti nelle città con 250 mila abitanti e oltre, sono 9 milioni 1° gennaio 2022, contr 751 mila registrati nel 1861. Ma il picco è stato di 11,2 milioni di residenti al censimento del 1971.

continua a leggere sul sito di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui