Urban China Initiative propose rapporto stretto imprese-militari

Roma, 23 feb. (askanews) – Un think-tank legato a McKinsey consigliò in un rapporto commissionato dal governo di Pechino nel 2015 di approfondire la cooperazione tra imprese e militari e spingere le aziende straniere fuori dai settori sensibili. Lo rivela oggi il Financial Times.

Le raccomandazioni, contenute in un libro della Urban China Initiative commissionato dall’agenzia di pianificazione centrale del governo cinese, erano tra politiche proposte alla Cina per aumentare l’abilità tecnologica del paese.

Il libro dell’UCI – con una prefazione di uno dei partner più anziani di McKinsey in Cina e attingendo al lavoro del braccio di ricerca in-house di McKinsey – ha fatto parte della ricerca del governo cinese per il suo 13mo piano quinquennale che ha coperto il 2016-20. Il piano quinquennale includeva la politica “Made in China 2025”, che aumentava le tensioni tra Pechino e Washington.

McKinsey ha chiuso l’UCI nel 2021 e ha minimizzato il suo rapporto con il governo cinese da quando è stata messa sotto pressione politica negli Stati uniti, dove i legislatori si sono chiesti se la consulenza in Cina sia in conflitto con il lavoro dell’azienda per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

In un’udienza del Congresso questo mese, Bob Sternfels, managing partner globale di McKinsey, ha dichiarato: “Non lavoriamo, e per quanto ne so mai lo abbiamo fatto, per il partito comunista cinese o per il governo centrale in Cina. La stragrande maggioranza del lavoro che facciamo in Cina è per aziende multinazionali. Molte di queste sono aziende statunitensi e aziende cinesi del settore privato”.

McKinsey, dal canto suo, ha detto – secondo FT – che il progetto del 2015 per la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma del governo cinese “non è stato scritto da McKinsey e non è il lavoro di McKinsey”.

“L’Urban China Initiative è stata un’iniziativa non-profit co-fondata nel 2011 con la Columbia University e la Tsinghua University. L’Urban China Initiative non è McKinsey e non ha svolto lavori per conto di McKinsey. Per quanto ne sappiamo, McKinsey non è stata compensata per alcuna ricerca o iniziativa relativa all’UCI”, ha detto la società di consulenza strategica, aggiungendo: “Come abbiamo affermato in precedenza, il governo centrale della Cina non è, e per quanto ne sappiamo non è mai stato, un cliente di McKinsey”.

McKinsey fondò l’UCI con i suoi partner universitari nel 2011, descrivendo l’iniziativa come un “vettore dei principali dialoghi nazionali, provinciali e locali della Cina sulle questioni urbane”. Le attività includevano la pubblicazione di un indice delle città sostenibili per “aiutare i leader urbani a prendere decisioni politiche informate” e lo svolgimento di conferenze regolari che hanno fornito a McKinsey l’accesso ai funzionari a più livelli di governo.

continua a leggere sul sito di riferimento