Italia ora pesa circa il 30%. E si prepara il passaggio generazionale

Milano, 6 apr. (askanews) – “L’anno scorso il nostro fatturato è stato abbondantemente sopra i 30 milioni di euro, con un +20% rispetto al 2021, nonostante, ad esempio, la scelta per motivi etici di non esportare più nulla sul mercato russo”. Alla 55esima edizione di Vinitaly appena conclusa a Veronafiere, la Cavaliere del lavoro Marilisa Allegrini, a capo dell’azienda vitivinicola di famiglia ha fatto il punto sullo stato di una delle più importanti e quotate Cantine italiane. “L’anno scorso abbiamo fatturato di più a fronte di volumi che si sono abbassati solo leggermente, non solo per effetto dell’inflazione ma perché i consumatori si stanno orientando sempre di più verso vini di qualità” ha precisato, sottolineando che “in questi anni abbiamo assistito ad una crescente e importante domanda dei nostri vini più prestigiosi che hanno una produzione più limitata e quindi un costo maggiore”. Tra questi ci sono la punta di diamante, “Fieramonte Amarone della Valpolicella Classico Riserva” (il cui millesimo 2015 ha ottenuto l’anno scorso 100 punti da Decanter), che dall’anno scorso è su “La Place de Bordeaux” insieme con l’altro vino iconico dell’azienda, il celebratissimo Igt “La Poja”. “Le vendite del nostro Amarone vanno molto bene – ha detto con una punta di orgoglio l’imprenditrice – l’intera produzione viene assegnata all’inizio di ogni anno e non abbiamo invenduto”.

Un’altra novità riguarda un’importante crescita sul mercato interno. “Fino a sei-sette anni fa il mercato italiano rappresentava poco più del 5% delle nostre vendite, mentre adesso raggiunge circa il 30%, e questo senza registrare cali nell’export” ha spiegato la presidente, evidenziando “che il mix di prodotti, Valpolicella, Bolgheri (Poggio al Tesoro), Montalcino (Poggio San Polo) e le tre aziende di nicchia della Borgogna che importiamo da qualche anno, ci ha aiutato molto a capillarizzare la nostra distribuzione nell’alto di gamma in Italia”. A conferma di un buona redditività, in questi ultimi anni Allegrini ha fatto diversi investimenti, gli ultimi dei quali hanno riguardato l’acquisto di una campagna nella zona di Verona Est, mentre nel 2018 era toccato ad una proprietà di 40 ettari nella zona del Lugana, oggi completamenti vitati. Ma non basta, perché gli investimenti coinvolgono anche l’attività di accoglienza, già sperimentata con successo a “Villa Della Torre”, gioiello del Rinascimento a Fumane (Verona). Nel 2023 prenderà infatti il via la costruzione della nuova cantina: “Sorgerà vicina all’edificio storico – ha spiegato – sull’ex campo sportivo che circonda la proprietà, ci vorranno due-tre anni ma da lì la filosofia aziendale sarà ancor più focalizzata sull’ospitalità”.

A Vinitaly, insieme con Marilisa rimasta l’ultima rappresentante della sesta generazione Allegrini dopo la scomparsa l’anno scorso a 65 anni del fratello enologo Franco (fautore del Centro di appassimento “Terre di Fumane”), era presente al completo anche la settimana generazione: Silvia, figlia di Walter; Francesco, Giovanni e Matteo, figli di Franco; e Carlotta e Caterina figlie di Marilisa. “Sono inseriti in azienda e pian piano, come avevamo fatto a suo tempo io e i miei fratelli, entreranno nei vari ambiti aziendali, ognuno secondo le proprie attitudini e passioni” ha spiegato la presidente, ricordando che “chi entra deve condividere la filosofia e gli obiettivi”. “E’ la storia – ha chiosato – bisogna guardare al passato per anticipare il futuro, e questo è uno degli aspetti più sfidanti per tantissime aziende italiane”. Al passaggio generazionale, ancor più delicato in un’azienda famigliare di queste dimensioni e articolazioni, si aggiunge l’ingresso in azienda di una serie di professionalità, sia tecniche che manageriali.

Infine, in merito all’eventuale interesse di altre realtà ad entrare nella governance di Allegrini, la signora dell’Amarone ha spiegato che “tutte le aziende della Valpolicella che fanno qualità e hanno un prezzo medio-alto delle bottiglie sono molto appetite, ma per noi i valori della famiglia sono più importanti: quindi l’interesse c’è ma non da parte nostra”.

continua a leggere sul sito di riferimento