Presidente Consorzio: cresciuto interesse operatori, media e curiosi

Milano, 11 apr. (askanews) – “Questo Vinitaly 2023 ci ha regalato grandi soddisfazioni, nei nostri spazi raddoppiati tra il ‘Prosecco Doc pavilion’ in area H e il ‘Prosecco Doc theatre’ in Padiglione 4, abbiamo visto crescere l’interesse degli operatori del settore ma anche dei media e dei ‘curiosi’ che hanno affollato i nostri eventi”. Così il presidente del Consorzio tutela Prosecco Doc ha tracciato un bilancio della presenza alla 55esima edizione di Vinitaly che si è chiusa nei giorni scorso a Veronafiere. “L’aumento del 20% dei buyer internazionali e la riformulazione della politica degli ingressi – ha sottolineato Zanette – hanno segnato un bel miglioramento nella qualità del lavoro di noi espositori a Vinitaly”.

Numerosi gli appuntamenti e i talk organizzati dalla Denominazione da 638 milioni di bottiglie, nel corso dei quali gli ospiti si sono succeduti portando testimonianza di obiettivi raggiunti, collaborazioni, iniziative e progetti avviati su temi cari al Consorzio: la promozione delle eccellenze Made in Italy, la tutela del patrimonio paesaggistico, l’attenzione al sociale, il supporto allo sport, il sostegno all’arte e alla cultura. Il ricco programma organizzato dal Consorzio alla Fiera di Verona è stato costellato dalle degustazioni guidate rivolte a sommelier, enologi, giornalisti e importanti delegazioni di buyer internazionali provenienti da Norvegia, Svezia, Estonia, Lituania, Cina, Stati Uniti, Colombia e Venezuela.

Apprezzati anche i numerosi “show cooking” condotti da rinomati chef che hanno visto come protagonista Prosecco DOC in pairing con altre eccellenze agroalimentari italiane, e del “Prosecco DOC Sparkling Drink Bar” con una carta di long drink a base di Prosecco DOC e distillati o liquori italiani.

continua a leggere sul sito di riferimento